Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso.
Per ulteriori informazioni Clicca qui

Martedì, 27 February 2018 11:47

ELEZIONI POLITICHE DOMENICA 4 MARZO 2018

RISULTATI SCRUTINIO

pdf SENATO RISULTATI TUTTE LE SEZIONI (183 KB)

pdf CAMERA RISULTATI TUTTE LE SEZIONI (183 KB)

pdf SENATO collegio sez (259 KB)

pdf SENATO sez (268 KB)

pdf CAMERA sez collegi (264 KB)

pdf CAMERA sez (268 KB)

 

AFFLUENZA URNE

pdf CAMERA ORE 23 (255 KB)

pdf SENATO ORE 23 (255 KB)

  pdf Affluenza Ore 19 (251 KB)

  pdf AFFLUENZA ORE 12 (251 KB)

 

Elezioni politiche 2018

 

COME SI VOTA
La nuova legge prevede un sistema elettorale misto sia alla Camera che al Senato: un terzo dei seggi è assegnato con il sistema maggioritario e due terzi con il sistema proporzionale.
Con il sistema maggioritario in ciascun collegio viene eletto un solo candidato: quello che ottiene più voti. Con il sistema proporzionale a ciascuna lista o coalizione di liste sono assegnati i seggi in proporzione ai voti ottenuti, calcolati a livello nazionale e poi redistribuiti nelle singole circoscrizioni territoriali.
Ogni candidato che concorre con sistema maggioritario è identificato sulla scheda elettorale perché il suo nome è scritto dentro un rettangolo che non presenta simboli ed è collocato in alto rispetto alla lista o alle liste collegate. Ogni lista o coalizione di liste è collegata a un solo candidato.
Con il sistema maggioritario sono assegnati 232 seggi alla Camera e 116 seggi al Senato.
L'assegnazione dei restanti seggi del territorio nazionale (386 alla Camera e 193 al Senato) avviene con il metodo proporzionale in collegi plurinominali.
Per l’elezione della Camera possono votare i cittadini che alla data di domenica 4 marzo hanno compiuto diciotto anni; per l’elezione del Senato possono votare i cittadini che alla data di domenica 4 marzo hanno compiuto il venticinquesimo anno di età.
Per l’elezione della Camera dei deputati la scheda è rosa. Per l’elezione del Senato della Repubblica la scheda è gialla.
Ogni scheda è dotata di un apposito tagliando rimovibile, “tagliando antifrode”, dotato di un codice progressivo alfanumerico, che sarà annotato al momento dell’identificazione dell’elettore. Espresso il voto l’elettore consegna la scheda al presidente del seggio. E’ il presidente che stacca il “tagliando antifrode” e, solo dopo aver verificato la corrispondenza del numero del codice con quello annotato al momento della consegna della scheda, la inserisce nell’urna.
Ciascuna scheda – in un rettangolo – ha il nome e il cognome del candidato nel collegio uninominale. Nel rettangolo o nei rettangoli sottostanti, sono riportati il simbolo della lista o delle liste, collegate al candidato uninominale, con a fianco i nomi e i cognomi dei candidati (da un minimo di 2 a un massimo di 4) nel collegio plurinominale, secondo il rispettivo ordine di presentazione.
L’elettore potrà votare apponendo un segno sulla lista prescelta e il voto si estenderà anche al candidato uninominale collegato; oppure potrà apporre un segno su un candidato uninominale e il voto si estenderà alla lista o alle liste collegate in misura proporzionale ai voti ottenuti nel collegio da ogni singola lista.
Il voto è valido anche se si appone il segno sia sul candidato uninominale che sulla lista o su una delle liste collegate; non è possibile il voto disgiunto, cioè votare un candidato uninominale e una lista collegata a un altro candidato uninominale.
E’ vietato scrivere sulla scheda il nominativo dei candidati e qualsiasi altra indicazione.
Nella regione Valle d’Aosta (per la Camera e per il Senato) l’elettore esprime il voto tracciando con la matita un segno sul contrassegno del candidato prescelto o comunque nel rettangolo che lo contiene.

--> Elezioni trasparenti (Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali)

 

Duplicato o Rinnovo della Tessera Elettorale


L'Elettore, che abbia smarrito, deteriorato o abbia subito il furto della Tessera Elettorale potrà richiedere un duplicato.
L'Elettore che abbia esaurito gli spazi di attestazione del voto potrà richiedere una nuova Tessera Elettorale esibendo la tessera esaurita. 

Per favorire il rilascio delle Tessere Elettorali nei 2 giorni antecedenti l'elezione ed in coincidenza con le operazioni di voto l'ufficio elettorale osserverà l'orario prolungato di seguito indicato:
Venerdì 02 marzo 2018 dalle ore 8,30 alle ore 18,00
Sabato 03 marzo 2018 dalle ore 8,30 alle ore 18,00
Domenica 04 marzo 2018 dalle ore 07,00 alle ore 23,00.

 

MANIFESTI ELETTORALI

pdf ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI ANNO 2018 CAMERA collegio 12 (10.70 MB)

pdf ELEZIONE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ANNO 2018 (1006 KB)

______________________________________________________

pdf DIRITTO DI VOTO DA PARTE DI ELETTORE FISICAMENTE IMPEDITO AD ESERCITARLO AUTONOMAMENTE (86 KB)

pdf VOTO DEGLI ELETTORI NON DEAMBULANTI (50 KB)

pdf Servizio di trasporto pubblico in favore di disabili (85 KB)

______________________________________________________

  pdf MANIFESTO CONVOCAZIONE  COMMISSIONE NOMINA SCRUTATORI (1.26 MB)

______________________________________________________

Voto domiciliare
Richiesta di voto presso l'abitazione da parte di elettori "intrasportabili" o in condizione di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali.
Come fare per essere ammessi al voto
Tra martedì 23 gennaio e lunedì 12 febbraio 2018, le persone interessate dovranno inviare al Sindaco del proprio Comune di residenza, una dichiarazione dove si manifesta la volontà di votare presso l’abitazione nella quale dimorano.
Atti e documenti da allegare:
- dichiarazione di volontà
- certificato rilasciato dal funzionario medico, designato dai competenti organi dell’Azienda Sanitaria Locale, che riproduca l'esatta formulazione normativa e dal quale risulti la sussistenza, in capo all’elettore, delle   condizioni di gravissima infermità (con prognosi di almeno 60 giorni decorrenti dalla data di rilascio del certificato) tali da impedire l’allontanamento dall’abitazione in cui dimora oppure l’esistenza di un’infermità fisica che comporta la dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tale da impedire all’elettore di recarsi al seggio; copia della tessera elettorale;
- copia del documento d'identità del richiedente
- copia della tessera elettorale

pdf MANIFESTO VOTO A DOMICILIO (85 KB)
pdf DOMANDA DI VOTO A DOMICILIO (163 KB)
Informazioni
Ulteriori informazioni potranno essere richieste direttamente all’Ufficio Elettorale del Comune – 0577804426 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

_______________________________________________________

CONVOCAZIONE COMIZI ELETTORALI

pdf Manifesto convocazione comizi elettorali 04 03 2018 (34 KB)

_______________________________________________________

Voto degli elettori temporaneamente all´estero per motivi di lavoro, studio o cure mediche e dei familiari conviventi
La legge 6 maggio 2015, n. 52, di riforma del sistema di elezione della Camera dei Deputati, ha introdotto modifiche alla disciplina del voto nella circoscrizione Estero per le elezioni politiche e per i referendum di cui articoli 75 e 138 della Costituzione, prevedendo il voto per corrispondenza degli elettori temporaneamente all’estero per motivi di lavoro, studio o cure mediche e dei loro familiari conviventi.
Pertanto, in occasione del referendum popolare del 17 aprile, indetto con 15 febbraio 2016 (GU del 16 febbraio), gli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi, nonché i familiari con loro conviventi, possono esprimere il voto per corrispondenza.
L’opzione per il voto per corrispondenza deve pervenire al Comune d’iscrizione nelle liste elettorali entro i dieci giorni successivi alla data di pubblicazione del decreto di convocazione dei comizi elettorali (con possibilità di revoca entro lo stesso termine), ossia entro il 31 Gennaio 2018.
In sede di prima attuazione con le consultazioni referendarie del corrente anno, il suddetto termine è da considerarsi meramente ordinatorio e, verranno considerate valide le opzioni pervenute in tempo utile entro il trentesimo giorno antecedente la votazione in Italia.


Il modello da utilizzare per formulare l’opzione