Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso.
Per ulteriori informazioni Clicca qui

Venerdì, 19 March 2021 18:12

Città di Montalcino, via alla procedura per fregiarsi del titolo

Saranno ufficializzati anche lo stemma araldico, il gonfalone e il sigillo. Iter con Ministero dell’interno in attesa del Decreto del Presidente della Repubblica

Città di Montalcino, via alla procedura per fregiarsi del titolo

Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto e monumento

L’assessore Bovini: “Con questa procedura ufficializzeremo per Montalcino anche il titolo di città, già di fatto acquisito grazie alla bolla papale di Papa Pio II Enea Silvio Piccolomini il 5 Febbraio 1462 ma mai formalmente definito dalla Presidenza della Repubblica”.

Ufficializzare lo stemma araldico, oltre al gonfalone e al sigillo e fregiarsi del titolo di Città di Montalcino. L’Amministrazione comunale, con delibera di giunta, ha avviato l’iter per richiedere la concessione del titolo con un’istanza al Ministero dell’interno, per tramite della Prefettura. Ad accompagnare la richiesta una relazione particolare ‘storico corografica del toponimo’. Solo successivamente all’accoglimento dell’istanza, il ministero predisporrà prima un decreto e poi interverrà un Decreto del Presidente della Repubblica.

“Con questa procedura – spiega l’assessore alla cultura Christian Bovini - ufficializzeremo per Montalcino anche il titolo di città, già di fatto acquisito grazie alla bolla papale di Papa Pio II Enea Silvio Piccolomini il 5 Febbraio 1462 ma mai formalmente definito dalla Presidenza della Repubblica”.

Il titolo di Città, secondo quanto previsto dall’art. 18 del Tuel può essere concesso con decreto del Presidente della Repubblica su proposta del ministero dell’interno ai comuni insigni per ricordi, monumenti storici e per l’attuale importanza. Lo stemma è l’espressione grafica ed identitaria di un territorio e della sua comunità, in cui ritroviamo caratteristiche tipiche, racconti, glorie e tradizioni locali, tutti elementi nei quali ancora oggi i cittadini possono identificarsi. Il gonfalone è un drappo di forma rettangolare al cui interno è posto lo stemma comunale.  Il gonfalone è custodito nella Sala del Consiglio comunale.  Rappresenta il Comune nelle manifestazioni  esterne civili e religiose. La sua funzione è di portare all’esterno della sede istituzionale lo stemma dell’ente. La bandiera è un drappo, deve essere esposta, insieme a quella nazionale ed europea, all’interno ed esterno degli uffici o immobili pubblici comunali.